DE

FR

IT

Numero 17/2021

Formazione professionale di base

SEFRI: Convegno autunnale della formazione professionale 2021

La SEFRI invita a partecipare all'annuale Convegno autunnale della formazione professionale, in programma il 23 novembre 2021 al centro congressi Kursaal di Berna. Il convegno (francese/tedesco) si occupa della questione di come le megatendenze, ad esempio la digitalizzazione, o il COVID-19 si ripercuotono su società, mercato del lavoro, formazione e formazione continua. Saranno fornite informazioni tecniche, tenute presentazioni e proposti spunti per arricchire la propria rete di contatti. È richiesto un certificato COVID. Termine per l'iscrizione: 9 novembre 2021.

Dopo gli EuroSkills 2021, rotta per i WorldSkills 2022

Il team svizzero per i WorldSkills 2022 di Shanghai è al completo. Nei prossimi 12 mesi, 42 giovani campioni, nonché membri dello SwissSkills National Team, si prepareranno intensamente per i campionati mondiali delle professioni. Sette membri del team hanno già potuto vivere una preziosa esperienza a livello internazionale in occasione degli EuroSkills di Graz, tenutisi lo scorso settembre. Qui la squadra nazionale elvetica aveva impressionato con il miglior risultato svizzero nella storia degli EuroSkills. Partecipando a 16 competizioni, lo SwissSkills National Team ha vinto nientedimeno che 14 medaglie, tra cui sei ori.
Comunicato relativo ai WorldSkills 2022
Comunicato relativo agli EuroSkills 2021

Mercato dei posti di tirocinio 2021 ancora stabile

Secondo un comunicato stampa della SEFRI, i trend cantonali osservati dalla task force "Prospettive tirocinio" denotano che, nel complesso, la situazione continua a essere stabile. A fine settembre 2021 i contratti di tirocinio firmati in tutta la Svizzera erano circa 77'000, cifra in linea con i valori degli anni precedenti. I contratti per i tirocini in partenza nel 2021 dovranno essere conclusi entro la fine di ottobre.

ICT-Formazione professionale Svizzera come centro di competenza TIC intersettoriale

L'associazione nazionale ICT-Formazione professionale Svizzera ha aggiornato la sua strategia per i prossimi cinque anni. La nuova strategia mira in particolare a rendere ICT-Formazione professionale Svizzera un centro di eccellenza per la digitalizzazione della formazione professionale. L'obiettivo è quello di sostenere tutti i settori nell'implementazione delle competenze TIC nei profili professionali esistenti e nella digitalizzazione del sistema d'esame.
Ulteriori informazioni

Futuro incerto per l'associazione Formazione professionale svizzera

In occasione dell'assemblea dei delegati di Formazione professionale svizzera (FPS) è stato deciso di esaminare le prospettive future dell'associazione mantello. Secondo un rapporto (tedesco), vanno verificate in particolare le differenze tra i contributi versati dai membri e il diverso grado di integrazione delle sezioni. Vi sono però delle alternative, come una fusione con l'organizzazione mantello Lehrerinnen und Lehrer Schweiz (LCH) o la definitiva liquidazione della FPS. Questo è quanto consegue alle dimissioni dell'intero comitato e di Stefan Zehnder (direttore e presidente ad interim). La Sezione di Argovia è uscita dall'associazione e la Berner Kantonalverband prevede di fare lo stesso. L'attuale comitato è composto da Christoph Thomann, Renate Siegenthaler (BM Zürich) e André Minet (Sezione di Zurigo).

Cedefop: rapporto sulla formazione professionale

Il Cedefop, Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale, ha pubblicato un rapporto (inglese) sui sistemi della formazione professionale nell'UE (la Svizzera non ha partecipato). Il documento contiene le descrizioni dei diversi sistemi formativi all'interno dell'UE. I vari capitoli informano su cosa sarebbe necessario fare per conseguire qualità ed efficacia più elevate nella formazione professionale. Un po' ovunque mancherebbe, ad esempio, una collaborazione solida e autentica tra formazione e mercato del lavoro, e la parte aziendale della formazione dovrebbe fondarsi in maniera più consistente su un piano di formazione strutturato.

GE: risultati della formazione professionale 2020/2021

Nel 2021 il tasso di riuscita globale della formazione professionale a Ginevra ha registrato un forte calo rispetto al 2020. Nell'anno in esame sono stati rilasciati 3199 titoli contro i 3480 del 2020, cifra che corrisponde a un 6% in meno del tasso di riuscita (dal 90,5 al 84,5%). In un'intervista concessa al supplemento Formation della Tribune de Genève (1° ottobre 2021), il direttore generale dell'Ufficio dell'orientamento, della formazione professionale e continua relativizza questo slittamento. Le cifre registrate nel 2020 erano particolarmente elevate a seguito dell'adeguamento degli esami finali al contesto sanitario, mentre quest'anno le procedure di qualificazione si sono svolte normalmente. Va infine osservato che il risultato del 2021 (84,5%) è superiore a quello del 2019 (83,3%).

ZH: mantenimento degli ex allievi in azienda – rinuncia agli incentivi

Nel 2020 il Gran Consiglio di Zurigo aveva presentato un urgente postulato che chiedeva la creazione di un sistema di incentivi che spingesse le imprese a mantenere in azienda le persone in formazione anche una volta concluso il tirocinio. Ora il Gran Consiglio fa dietro front, come risulta dal verbale delle decisioni. Secondo alcune valutazioni, un sistema di incentivi non sarebbe necessario in quanto sono già stati adottati sufficienti provvedimenti; si noti ad esempio che nel giugno 2021 il numero assoluto di ex allievi disoccupati (incl. quelli che hanno interrotto la formazione) si poneva leggermente al di sotto del livello pre-crisi. Gli interventi e i dossier concernenti la politica formativa attualmente trattati dall'Assemblea federale e dai parlamenti cantonali figurano nell'elenco "Documentazione parlamentare", pubblicato ogni mese dal Centro informazioni e documentazione IDES della CDPE.

Formazione professionale superiore e continua

Attestati e diplomi federali: procedura di consultazione

Il seguente disegno di regolamento, senza modifica del titolo, è stato pubblicato nel Foglio federale del 24 settembre 2021 per la procedura di consultazione:

  •  specialista in agricoltura biodinamica (APF).

Attestati e diplomi federali: approvazioni

I seguenti regolamenti d'esame sono stati approvati dalla SEFRI:

  • elettricista capo progetto in installazione e sicurezza (APF) / elettricista capo progetto in pianificazione (APF);

  • specialista per sistemi uditivi (APF; INFOformation&profession / INFObildung&beruf).

I regolamenti d'esame sono disponibili nell'elenco delle professioni della SEFRI. Il CSFO crea una scheda INFOformation&profession / INFObildung&beruf nel caso di una nuova professione o qualora il titolo ottenuto fosse modificato.

FSEA: monitoraggio settoriale sulla formazione continua

Lo scorso mese di agosto la FSEA ha pubblicato il suo primo monitoraggio settoriale sulla formazione continua. Attraverso indagini periodiche svolte presso gli enti di formazione sono indagati i cinque indicatori seguenti: valutazione della situazione economica, sviluppo dell'offerta, sviluppo della domanda, sviluppo del fatturato e del finanziamento, e sviluppo del personale. L'ultima edizione mette in evidenza gli effetti della pandemia di coronavirus sulla formazione continua. Per esempio, un ente erogatore di formazione continua su quattro valuta la propria situazione economica attuale come cattiva o addirittura pessima.

Convegno nazionale sulle competenze di base

In che modo possiamo motivare le persone a migliorare le loro competenze di base? Questo il quesito su cui verte l'annuale Convegno nazionale sulle competenze di base. Sebbene, con l'entrata in vigore – nel 2017 – della legge sulla formazione continua, l'offerta formativa sia stata ampliata e il sostegno finanziario aumentato in misura consistente, la partecipazione alla formazione resta ancora insufficiente. In quest'occasione saranno raccolte nuove idee e presentate soluzioni di provata efficacia per promuovere la partecipazione alla formazione continua. Il convegno si terrà il 2 novembre 2021 a Berna; è richiesto un certificato COVID. Termine per l'iscrizione: 25 ottobre 2021.
Programma e iscrizione (francese/tedesco)

BE: buoni per corsi di tedesco

Per la terza volta, la Città di Berna offre 600 buoni del valore di 400 franchi ciascuno per partecipare a corsi di tedesco. L'offerta è rivolta agli adulti di lingua straniera che vivono nella capitale. Le iscrizioni sono aperte fino al 21 novembre 2021. Coloro che beneficiano di una riduzione dei premi dell'assicurazione malattie hanno la priorità. I buoni possono essere richiesti anche dai "sans-papiers". Secondo una valutazione, per ogni franco investito dalla Città di Berna, 50 centesimi vengono versati dal beneficiario stesso del buono. Dunque, per seguire corsi più costosi, il partecipante paga in media 200 franchi di tasca propria.

Formazione generale e scuole universitarie

Notte Bianca delle Carriere 2021

Il 14 novembre 2019 gli studenti potranno vivere la divertente esperienza della Notte Bianca delle Carriere nella loro scuola universitaria e iniziare così a costruire il proprio futuro professionale. I partecipanti riceveranno suggerimenti su come inserirsi nel mondo del lavoro e informazioni sulle prospettive professionali.

I TecDays accrescono l'interesse per le professioni MINT

Dal 2007 l'Accademia svizzera delle scienze tecniche (SATW) organizza con successo presso le scuole medie superiori di tutta la Svizzera i cosiddetti "TecDays". Nell'arco di una giornata, gli allievi della scuola interessata affrontano molteplici temi legati alle scienze tecniche e naturali, scoprendo numerosi campi professionali e incontrando personalmente gli specialisti dei vari settori. Le valutazioni condotte subito dopo i TecDays tenutisi nel periodo 2016-2021 e un sondaggio condotto tra i maturandi del 2020 che hanno partecipato a un TecDay negli anni del liceo rivelano che questa offerta accresce l'interesse e la comprensione dei temi MINT, e agevola l'accesso dei giovani a questo settore. Il 70% degli studenti dichiara che l'iniziativa ha influenzato positivamente la loro opinione in merito alle materie MINT, inoltre considera l'incontro con gli specialisti molto efficace. Circa un terzo dei maturandi ritiene infine che i TecDays siano utili per la scelta di studio.
Ulteriori informazioni

ETH: meno studenti soddisfatti nel 2021

Secondo un sondaggio svolto tra gli studenti del Politecnico federale di Zurigo (ETH) nell'aprile del 2021, il 62% degli interpellati si dice soddisfatto o molto soddisfatto degli studi scelti, a fronte dell'82% rilevato nel 2015. Questo calo è sostanzialmente ascrivibile alla crisi sanitaria. Solo il 57% delle persone interpellate conviene sul fatto di potersi dedicare agli studi in misura adeguata malgrado la pandemia. Gran parte degli studenti valuta l'insegnamento in sé positivamente: quasi l'80% dichiara di seguire le lezioni a distanza. Se, da un lato, a molti manca lo scambio con gli altri studenti, dall'altro, i più auspicano che anche in futuro parte dei corsi si svolga a distanza o in modalità ibrida e questo per una maggiore flessibilità e un migliore adattamento al proprio ritmo di lavoro.
Ulteriori informazioni

HES-SO: MBA con specializzazione Business in Eurasia

A partire dall'anno accademico 2021/2022 la Scuola universitaria professionale della Svizzera occidentale (HES-SO) proporrà una nuova specializzazione per il suo MBA: Business in Eurasia (francese/inglese). Obiettivo: trasmettere le competenze e le abilità pratiche necessarie alla creazione e allo sviluppo di imprese svizzere in Eurasia, principalmente in Cina e Russia. Unica in Svizzera, questa specializzazione è sostenuta dalla Haute école de gestion Arc (HE-Arc Gestion).
Comunicato stampa

HES-SO: selezione di progetti per l'integrazione agli studi SUP

Nel quadro del programma INVOST (finalizzato a preparare i rifugiati altamente qualificati agli studi SUP), la Scuola universitaria professionale della Svizzera occidentale (HES-SO) ha selezionato quattro progetti pilota: "Formation sans frontières" (Haute école de travail social et de la santé Lausanne), "AlterEgauZ" (Haute école de travail social Fribourg / Hochschule für soziale Arbeit Freiburg), "Road to Study Social Work" (Haute école de travail social Valais / Hochschule für Soziale Arbeit Wallis) e "Horizon académique" (HES-SO Ginevra). Partner della HES-SO nell'ambito del programma INVOST, la Scuola universitaria professionale della Svizzera nordoccidentale (FHNW) sta sviluppando il progetto "Integral" presso la sede del suo istituto di tecnica. Questi progetti sono stati avviati all'inizio dell'anno accademico 2021/2022 per una fase pilota di tre anni.
Ulteriori informazioni

Orientamento

loopings.ch: lavorare dopo i 45 anni

Loopings è una piattaforma web dedicata alle opportunità professionali per chi è entrato nella seconda parte della propria vita. Questo strumento mette a disposizione diversi esempi per l'attuazione di modelli di lavoro innovativi con persone di età superiore ai 45 anni. Coprendo diversi ambiti (formazione continua, bilancio professionale, riconversione, lavoro in età pensionabile, ecc.), Loopings aiuta i lavoratori senior a costruire attivamente il proprio futuro professionale. La piattaforma propone inoltre una "carta" che elenca le offerte o le organizzazioni di sostegno in tutta la Svizzera.

La lingua influisce sulla scelta professionale

Una lingua mascolinizzata influenza il pensiero. Questa è la sintesi del libro "Le cerveau pense-t-il au masculin?". Pascal Gygax, dell'Università di Friburgo, dimostra, sulla scorta di numerose ricerche, come una lingua che faccia riferimento a un unico genere alimenti una concezione sessista della realtà e questo anche nel mondo professionale. Sabine Sczesny, dell'Università di Berma, sottolinea che le ragazze si interessano maggiormente alle professioni tipicamente maschili quando queste sono descritte con l'utilizzo della doppia forma anziché con il solo maschile. L'uso inclusivo della lingua permette di abbattere gli stereotipi legati alle professioni.
Ulteriori informazioni: rivista HorizonsHorizonte / Horizons

FSP: elaborazione di una norma svizzera per i test di idoneità professionale

In Svizzera i test di idoneità professionale non sono standardizzati a livello nazionale, una lacuna che la Federazione svizzera delle psicologhe e degli psicologi (FSP) intende colmare sviluppando una norma svizzera e introducendo una certificazione per gli operatori del settore. La FSP prenderà spunto dalla norma tedesca DIN 33430 – che regola la procedura applicata ai test di idoneità – quindi introdurrà una certificazione per le persone interessate che attesti la solida esperienza teorica e pratica dei titolari nel settore.

SO: nuova direttrice dell'orientamento

Dal 1° gennaio 2022 Priska Raimann Häuptli assumerà la direzione dell'Ufficio dell'orientamento professionale, universitario e di carriera del Canton Soletta, subentrando a Renato Delfini, che andrà in pensione a fine anno. Orientatrice diplomata, Raimann Häuptli fa parte del pool di orientatori del Cantone dal 2008, in seno al quale si occupa soprattutto della qualificazione professionale degli adulti, ambito per cui, nel 2017, è stato istituito un servizio ad hoc.
Comunicato stampa

ZH: novità sul portale dedicato alla scelta professionale

Il portale dedicato alla scelta professionale del Canton Zurigo fornisce a giovani e ad aziende formatrici informazioni relative al processo di scelta professionale e alla ricerca di un posto di tirocinio. Con l'inizio del nuovo anno scolastico, si aggiungeranno nuove possibilità digitali: le aziende potranno creare un ritratto aziendale, annunciare visite e pubblicare offerte di stage d'orientamento. Per partecipare agli eventi e agli stage proposti, gli interessati potranno iscriversi e candidarsi direttamente sul portale.
Comunicato stampa

Mercato del lavoro

Swiss Job Market Index: la Svizzera raggiunge il livello pre-coronavirus

Nel terzo trimestre 2021 prosegue la ripresa del mercato del lavoro svizzero: rispetto al trimestre precedente, l'Adecco Group Swiss Job Market Index è cresciuto del 9% e a confronto con il terzo trimestre del 2020, l'aumento raggiunge addirittura il 28%. Per la prima volta, il numero di annunci di lavoro tocca nuovamente i livelli pre-coronavirus. È quanto dimostra la rilevazione scientifica dell'Adecco Group Swiss Job Market Index condotta dall'Osservatorio del mercato del lavoro svizzero dell'Università di Zurigo.

jobs.ch/jobup.ch: 36% di offerte di lavoro in più rispetto al mese di gennaio

Secondo un'analisi (francese/tedesco) di jobs.ch e jobup.ch per il terzo trimestre 2021, il volume delle offerte di lavoro pubblicate è in costante crescita. Il trend positivo si osserva in quasi tutti i settori professionali. Per la prima volta, l'analisi trimestrale ha tenuto conto anche del fattore regionale e confrontato i dati relativi ai diversi Cantoni. I risultati indicano che, da inizio anno, il numero delle offerte pubblicate su jobup.ch è aumentato soprattutto nell'Alto Vallese (+63%), nella Svizzera orientale (+31%) e nella regione di Berna (+30%). Ciò potrebbe essere riconducibile al fatto che si tratta di destinazioni turistiche che devono riprendersi dalla crisi sanitaria. I maggiori tassi di crescita rilevati nella Svizzera francese sono stati registrati nei Cantoni di Vaud (+40%) e Neuchâtel (+32%).

Forum cinfo: lavorare e fare carriera nella cooperazione internazionale

Il Forum cinfo – in programma l'11 e 12 novembre, per la prima volta online – discute le possibilità di lavoro e carriera nella cooperazione internazionale (CI), mettendo in contatto datori di lavoro e organizzazioni di formazione, specialisti CI e neodiplomati.
Ulteriori informazioni (inglese)

Studio: quali saranno le attività automatizzate in futuro?

La questione di quali attività potranno essere automatizzate in futuro non ha perso la sua urgenza. Uno studio effettuato dall'Istituto tedesco per la ricerca sull'occupazione (IAB) giunge alla conclusione che il più alto potenziale di sostituibilità  risiede tuttora nell'industria manifatturiera, mentre il potenziale minore si identifica nel settore dei servizi sociali e culturali. Le differenze più marcate rispetto alle valutazioni precedenti si riscontrano nelle professioni legate alla sicurezza e al commercio, il cui potenziale di sostituibilità è cresciuto. Nel complesso si evidenzia un aumento del potenziale per tutti i livelli dei requisiti rispetto al 2016.

GE: progetto "Level+" a favore dei lavoratori senior

Il Canton Ginevra ha dato avvio a un programma pilota destinato al reinserimento degli over 50 nel mercato del lavoro. Questo acceleratore di talenti – battezzato "Level+" – riunisce aziende, agenzie di collocamento, esperti e coach in uno spazio aperto e collaborativo al fine di offrire un servizio su misura per i lavoratori più anziani che si trovano in una fase di transizione professionale. Il programma può accogliere fino a 70 persone nell'arco di quattro mesi ed è rivolto agli ultracinquantenni provenienti dai settori in cui la durata della disoccupazione è superiore alla media (settore bancario / finanziario, informatico e comunicazione / marketing). Sostenuto dalla SECO, "Level+" è stato sviluppato in partenariato con Adecco, Accès Personnel e gli spazi di coworking di Voisins.
Comunicato stampa

Varie

Indicatore di competitività dei Cantoni

La quota di popolazione in possesso di un titolo di formazione terziaria (scuola universitaria o formazione professionale superiore) può variare considerevolmente da Cantone a Cantone. In quest'ottica Zugo, Basilea Città e Zurigo risultano i più competitivi, seguiti con un certo distacco da Ginevra, Vaud e Berna. Gli altri Cantoni latini si trovano ancora più indietro, mentre il Giura registra un potenziale di competitività ridotto rispetto agli altri Cantoni. È quanto risulta dall'indicatore di competitività dei Cantoni 2021 elaborato da UBS. La valutazione del livello terziario di ciascun Cantone tiene anche conto della migrazione netta dei diplomati universitari.

OCSE: rapporto statistico 2021 incentrato sulle pari opportunità

L'OCSE ha pubblicato il rapporto statistico "Regards sur l'éducation 2021" / "Bildung auf einen Blick 2021". L'edizione tratta in particolare il tema delle pari opportunità e valuta in che misura fattori quali genere, status socioeconomico, paese di origine e situazione regionale possono influire sul successo della formazione.

Torna all'inizio