14.08.2019

Mercato del lavoro

Studio dell'UBS: nel prossimo decennio alla Svizzera mancheranno fino a mezzo milione di lavoratori qualificati

Nei prossimi dieci anni, l'economia svizzera lamenterà la mancanza di 300'000-500'000 lavoratori qualificati. La domanda dovrebbe crescere fortemente in alcuni segmenti del settore terziario, ad esempio nel sanitario, mentre stagnerà in altri settori. Il fabbisogno dell'industria, in particolare, dovrebbe essere coperto. Non basterà la sola immigrazione per colmare la penuria di manodopera qualificata. Queste, le conclusioni di uno studio dell'UBS. Il rapporto raccomanda alcuni approcci complementari per attenuare la mancanza di forza lavoro: un innalzamento della partecipazione al mercato del lavoro – in particolare attraverso una maggiore integrazione dei disoccupati e una più alta partecipazione delle donne – come pure una flessibilizzazione dell'età pensionistica.
Comunicato stampa