Newsletter del 25.05.2016

Notizie di attualità del 25.05.2016

Formazione professionale di base

Qualità del partenariato della formazione professionale

Nel rapporto del 22 marzo 2016 la Commissione della gestione del Consiglio nazionale (CdG-N) ha formulato raccomandazioni per una migliore gestione della formazione professionale da parte dei partner. Il Consiglio federale è d'accordo con quanto esposto nella conclusione del rapporto e con le misure presentate. La CdG-N ha individuato un potenziale di ottimizzazione in tre settori:
- chiarire il concetto di "oml" e verificare l'idoneità degli strumenti di vigilanza;
- visione e strategia di lungo termine;
- promuovere l'attuazione e il controllo sistematici degli ambiti d'intervento.

CSRE: progetti di ricerca sulla formazione professionale

La newsletter "Information sur la recherche en éducation 2/2016" (francese/tedesco) del Centro svizzero di coordinamento della ricerca educativa (CSRE) presenta due progetti relativi alla formazione professionale o alla formazione continua:
progetto "SEPHIR e l'approccio alla comunicazione dei responsabili nei tre luoghi di formazione";
progetto "Bilancio delle soluzioni transitorie dopo la scuola dell'obbligo".

IDES: tematiche in ambito educativo nei Cantoni nel maggio 2016

Il Centro informazioni e documentazione IDES della CDPE pubblica l'elenco completo "Documentation parlementaire", nel quale figurano le tematiche attualmente trattate nel campo dell'educazione. Oltre a quelle della formazione professionale / livello secondario II, della formazione continua e delle università, l'elenco contiene anche le tematiche concernenti la scuola dell'obbligo.
Documentazione parlamentare relativa alla politica formativa 5/2016 (francese/tedesco)

Rapporto agricolo sulla formazione professionale

Per coprire il fabbisogno di successori a livello aziendale così come nei settori a monte e a valle mancano circa 250 apprendisti l'anno. C'è elevata richiesta di manodopera qualificata sia nell'agricoltura, sia nei settori a monte e a valle. Le cifre sugli apprendisti sono rimaste stabili, ma l'oml vuole mantenere alta l'attrattiva. Il Rapporto agricolo 2015 contiene indicazioni sul processo formativo nella formazione professionale agricola e descrive la sua particolarità in relazione ai tre luoghi di formazione.

USM: nuovo corso pilota per disegnatori metalcostruttori

L'Unione Svizzera del Metallo (USM) ha creato un nuovo corso pilota per la professione di disegnatore metalcostruttore, con l'obbiettivo di alleggerire il carico di lavoro ai formatori e alle aziende formatrici. Il corso di base viene proposto a Sursee a partire da agosto 2016 per un periodo di 3 anni come progetto pilota per il Canton Lucerna, Obvaldo e Nidvaldo. La durata del corso è di 15 settimane e costerà alle aziende formatrici non più di 6600 franchi. Qualora il progetto riscontrerà un buon apprezzamento, verrà esteso anche ad altre regioni della Svizzera.

AG: scuole professionali – creazione dei centri di competenza

La proposta per la realizzazione del progetto "Standort- und Raumkonzept Sekundarstufe II (S+R)" – relativo all'ubicazione e agli spazi del livello secondario II – del Consiglio di Stato argoviese considera i punti ponderati durante un'indagine conoscitiva. Tutte le sedi regionali delle scuole professionali saranno mantenute. Sono però previsti interventi per quel che riguarda la distribuzione delle professioni, fatto che in alcune scuole porterà a notevoli cambiamenti. Il Gran Consiglio esaminerà il messaggio nel giugno 2016, mentre la realizzazione del progetto avrà luogo a partire dall'anno scolastico 2017/2018.

BE: strategia della formazione 2016

La strategia della formazione 2016 del Canton Berna punta sullo sviluppo in loco delle istituzioni di formazione e sull'utilizzo degli spazi disponibili. I provvedimenti delle strategie della formazione 2005 e 2009 sono molto progrediti. Per quanto concerne la formazione professionale, nel rapporto del Consiglio di Stato vengono descritti brevemente diversi progetti conclusi. I progetti attualmente in corso riguardano in particolare la promozione dei titoli per adulti e la garanzia di nuove leve nelle scuole medie specializzate.

GE: impatto delle multinazionali sulla formazione dei giovani

A Ginevra, i membri del Groupement des entreprises multinationales (GEM) assumono un ruolo importante nella formazione di base e continua delle nuove leve. Secondo i risultati di un sondaggio, le 36 aziende che hanno risposto offrono ogni anno circa 400 stage e 200 posti di tirocinio (di cui 12 AFC bilingue e 30 maturità professionali). Le multinazionali hanno previsto oltre 60 posti di formazione supplementari. Dal 6 al 13 giugno 2016, il GEM organizzerà inoltre delle porte aperte sul tema "Formazione e innovazione".
Si veda anche il documento "Constats et données chiffrées 2016" dell'Ufficio dell'orientamento, della formazione professionale e continua (OFPC) di Ginevra.

Austria: monitoraggio dei diplomati 2008-2013

Nel quadro di un'analisi approfondita, l'Istituto austriaco di ricerca sulla formazione economica (IBW) ha condotto per la prima volta uno studio a lungo termine sulle formazioni concluse e le carriere professionali di tutti i diplomati degli anni 2008-2013, con risultati degni di nota. Si osserva in particolare una forte correlazione tra l'esito della formazione e il successo sul mercato del lavoro nonché tra l'esito della formazione, il successo sul mercato del lavoro e l'età all'inizio della formazione. La pubblicazione è un rapporto parziale dello studio sull'efficacia della promozione aziendale dei posti di tirocinio.

Germania: rifugiati e formazione professionale

L'edizione 158 (aprile 2016) di "berufsbildung", la rivista tedesca per la pratica e la teoria in azienda e a scuola, contiene numerosi contributi sul tema "rifugiati e formazione professionale": diversità dei giovani e dei giovani adulti immigrati nelle scuole professionali, modello di istruzione per le classi di integrazione professionale in Baviera, prospettive ed esperienze dei formatori in azienda, diversi contributi sulla promozione linguistica tra cui le competenze linguistiche nella formazione professionale commerciale duale, rilevazione delle competenze professionali dei rifugiati e integrazione nel mercato del lavoro. I contributi tecnici vengono completati da interviste rilasciate da specialisti.

Formazione professionale superiore e continua

Regolamenti d'esame in consultazione

Le associazioni professionali competenti hanno presentato alla SEFRI disegni di regolamento concernente l'esame di professione di termista con attestato professionale federale come pure gli esami professionali superiori di istruttore di cani guida per i ciechi con diploma federale e di maestro piastrellista.
Foglio federale del 18 maggio 2016

Formazione generale e scuole universitarie

Dottorato alle scuole universitarie professionali

Nei prossimi quattro anni, università, alte scuole pedagogiche e scuole universitarie professionali vogliono sviluppare programmi di dottorato presso diverse SUP. Stando a un rapporto della NZZ am Sonntag (edizione dell'8 maggio 2016), le competenze saranno suddivise: i dottorandi effettueranno le ricerche presso le scuole universitarie professionali, mentre quelle abilitate a svolgere dottorati saranno sempre le università, le quali rilasceranno il titolo di dottore. Se il 26 maggio 2016 il progetto sarà approvato dalla Conferenza svizzera delle scuole universitarie, la Confederazione investirà cinque milioni di franchi per lo sviluppo di questi programmi.

Campus europeo: un'università con cinque sedi

Le Università di Basilea, di Friburgo, dell'Alta Alsazia, di Strasburgo e l'Istituto di tecnologia di Karlsruhe hanno inaugurato l'"Eucor – Il Campus europeo". L'associazione transfrontaliera ha nominato come primo presidente per i prossimi tre anni il prof. dr. Hans-Jochen Schiewer, rettore dell'Università di Freiburg (Germania). L'obiettivo dell'associazione europea (francese/tedesco) è quello di avere cattedre, dottorandi, studenti e progetti di ricerca comuni e, allo stesso tempo, preservare l'autonomia delle singole università.

Orientamento

CSFO: piattaforma di test online accessibile a terzi

Nella fase pilota la piattaforma di test online è accessibile solo agli esperti OPUC degli uffici cantonali dell'orientamento. Per uffici cantonali dell'orientamento si intendono tutti i servizi degli uffici che fanno parte della Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori dell'orientamento professionale, universitario e di carriera (CDOPU). A partire da fine anno vi potranno accedere, a pagamento, anche altre organizzazioni.

ZH: consulenza online all'IAP

Annotare le fasi della consulenza su una lavagna bianca, videocamera, cuffie ed essere indipendenti dal luogo in cui ci si trova. Ora l'Institut für Angewandte Psychologie (IAP) propone consulenze online nell'ambito dell'orientamento professionale, universitario e di carriera. Marc Schreiber, responsabile del ciclo di studi MAS della Zürcher Fachhochschule in orientamento professionale, universitario e di carriera, spiega in un video lo strumento simile a Skype.

Mercato del lavoro

UST: aumento degli occupati – sale il tasso di disoccupazione

Secondo i dati dell'UST, tra il primo trimestre 2015 e il primo trimestre 2016 il numero di occupati in Svizzera è aumentato dell'1,3%, raggiungendo i 5,015 milioni. Il numero degli uomini occupati è salito dello 0,9%, quello delle donne dell'1,9%. Nello stesso periodo, il tasso di disoccupazione secondo la definizione dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) è salito dal 4,4 al 5,1%. Fra il primo trimestre 2015 e il primo trimestre 2016, anche il tasso di disoccupazione giovanile (giovani dai 15 ai 24 anni) è aumentato dal 7,5% all'8,3%. Entrambi i valori sono diminuiti nell'UE.

Un'azienda controllata su dieci pratica il dumping salariale

La SECO comunica che nel 2015 le commissioni tripartite e paritetiche hanno verificato in oltre 45'000 aziende l'osservanza delle condizioni salariali e lavorative nel quadro dell'attuazione delle misure collaterali alla libera circolazione delle persone Svizzera – UE. La maggior parte delle imprese controllate rispetta le condizioni salariali e lavorative vigenti in Svizzera. Sono stati riscontrati casi di dumping salariale presso 979 aziende svizzere (l'11% delle aziende controllate) e presso 681 aziende che distaccano lavoratori nei settori senza CCL di obbligatorietà generale (14%). Particolarmente a rischio sono i settori senza CCL, poiché non sono previsti salari minimi vincolanti e il dumping salariale non può essere sanzionato. Solo una procedura di conciliazione su due presso i datori di lavoro svizzeri ha avuto esito positivo (lo scorso anno il 65%).
Comunicato stampa

Immigrazione: dibattito sui cambiamenti e le minacce

Lo scorso mese di aprile, il Graduate Institute Geneva ha organizzato un dibattito sul tema "Immigrazione: cambiamento o pericolo?", in presenza dei professori François Crépeau (McGill University) ed Etienne Piguet (Università di Neuchâtel). Secondo il primo, la migrazione si trova "nel DNA dell'umanità, una risposa normale alle sfide economiche, politiche ed ambientali". Il secondo è dell'opinione che "i benefici della migrazione sono incontestabili, ma ripartiti in maniera diversa da un mercato libero". Al termine del dibattito, sono state trattate quattro raccomandazioni per la gestione delle migrazioni concernenti in particolare l'immigrazione a fini professionali e il processo d'integrazione.
Ulteriori informazioni

Evoluzione delle condizioni di lavoro in seno alle amministrazioni cantonali

Nel quadro di uno studio del Fondo nazionale svizzero sulle misure volte a promuovere le pari opportunità tra i sessi e la partecipazione delle donne al mercato del lavoro, l'Istituto di sociologia dell'Università di Neuchâtel ha analizzato le condizioni di lavoro in seno alle amministrazioni cantonali tra il 1991 e il 2012. Gli autori dello studio (francese) constatano un'evoluzione significativa delle misure di conciliazione tra vita professionale e vita privata (orari di lavoro, tempo parziale, congedi). Ancora poco sfruttate, le possibilità offerte dal telelavoro, il job sharing o il congedo paternità hanno un reale potenziale di sviluppo.

L'equilibrio tra vita professionale e vita privata viene prima del ruolo dirigenziale

L'Istituto Link ha condotto un sondaggio sulla ricerca d'impiego in Svizzera per conto di JobCloud. Delle 1486 persone di età compresa tra i 16 e i 60 anni interpellate, il 78% dichiara di preferire un buon equilibrio tra vita professionale e vita privata a un ruolo dirigenziale in azienda. Dal sondaggio (francese) emerge inoltre che sono più numerosi i romandi che cercano un nuovo impiego rispetto agli svizzeri tedeschi. Per la ricerca, il mezzo più usato sono le piattaforme d'impiego online, seguite dai siti Internet delle aziende e dai giornali.

Video temptraining: il sostegno del personale a prestito alle formazioni continue

Chi sottostà al contratto collettivo di lavoro Personale a prestito beneficia della formazione continua sovvenzionata. I lavoratori temporanei possono ottenere fino a 5000 franchi per il perfezionamento e fino a 2300 franchi di indennità di perdita di guadagno. Nel video temptraining, il fondo della formazione continua spiega chi ha diritto alle prestazioni. Dal luglio 2012 sono state approvate oltre 9000 domande di formazione continua per un valore di 16 milioni di franchi.

BS/BL: le vittime del cambiamento strutturale del mercato

Tra il 2004 e il 2014, il mercato del lavoro del Canton Basilea Città ha visto un marcato cambiamento strutturale. Secondo uno studio, il fenomeno si è fatto sentire soprattutto tra i giovani adulti e i più anziani poco qualificati, i malati cronici e le persone con disturbi psichici nonché le famiglie monoparentali. Lo studio richiede un miglior coordinamento delle offerte di sostegno e fornisce raccomandazioni per la gestione dei singoli gruppi. Lo studio vuole inoltre stimolare a rafforzare la responsabilità sociale delle aziende attraverso campagne di sensibilizzazione, la modifica della situazione giuridica o la creazione di strutture d'incentivazione.

Integrazione professionale

L'AI si vede sempre più quale "assicurazione finalizzata all'integrazione"

Secondo la Confederazione l'AI è sulla buona strada. Negli ultimi anni avrebbe adottato molti più provvedimenti d'integrazione professionale, scrive l'Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS). Il bilancio dell'UFAS, che vede margini di miglioramento soprattutto tra i giovani, si basa sul rapporto di sintesi di un programma di ricerca di sei anni con 20 progetti di ricerca. Il rapporto presenta le conclusioni e le raccomandazioni degli studi svolti. Gli studi hanno valutato l'efficacia delle revisioni AI degli ultimi anni.

FR: quarta edizione del premio migrazione e lavoro

Con il premio migrazione e lavoro (Prix Migration et Emploi), il Canton Friburgo intende valorizzare l'impegno dei datori di lavoro privati e pubblici a favore dell'integrazione dei migranti e della prevenzione delle discriminazioni. Le candidature per la quarta edizione di questo concorso biennale sono aperte. Il premio sarà consegnato nel febbraio 2017 nel quadro del Forum delle professioni.
Ulteriori informazioni

FR: Facebook; nuova bacheca del Servizio pubblico del lavoro

Dall'inizio del 2016, il Servizio pubblico del lavoro del Canton Friburgo dispone di una pagina Facebook. Il social network permette al servizio di mettere in evidenza i diversi eventi che organizza, in particolare in relazione ai 20 anni degli URC. La pagina offre inoltre consigli per le persone in cerca d'impiego su temi quali il colloquio di lavoro o le ore supplementari.

Varie

CSFO: pubblicazione del rapporto annuale 2015

È stato pubblicato il rapporto annuale 2015 del CSFO. Tra le principali novità dell'anno scorso figurano la pubblicazione della piattaforma di test online, il redesign del portale orientamento.ch, la nuova applicazione web per la formazione professionale e l'organizzazione di PANORAMA.event dedicato ai profili delle competenze. La formazione continua ha riunito 1729 partecipanti, che si sono dichiarati soddisfatti all'83%. Il grado di soddisfazione dei responsabili degli uffici dell'orientamento ha addirittura raggiunto il 94% nella Svizzera tedesca e il 100% nella Svizzera romanda. Il rapporto può essere scaricato sul sito Internet del CSFO.